Addestramento Subacquei GUE

ADDESTRMENTO SUBACQUEI GUE

La Global Underwater Explorers è un leader nell’educazione subacquea, ha sviluppato un gran numero di protocolli e procedure innovative ed impiega un gruppo di educatori subacquei di elite.

La GUE fornisce addestramento a subacquei di ogni livello, dai principianti, ai subacquei ricreativi, agli istruttori subacquei provenienti da altre agenzie, fino ai subacquei tecnici o speleo-subacquei. La nostra missione è quella di migliorare la qualità dei programmi di addestramento disponibili sul mercato.

L’ampia gamma di corsi che offriamo è stata meticolosamente sviluppata da subacquei ed esploratori di grande esperienza, la cui missione è stata quella di costruire una comunità globale di subacquei capaci di condurre attività coordinate in tutto il mondo.

Il nostro curriculum di corsi fornisce addestramento per tutti i livelli ed i diversi interessi, dai neofiti e subacquei ricreativi ai subacquei tecnici e speleo-subacquei.
I primi corsi GUE furono sviluppati per supportare progetti di esplorazione subacquea su scala globale, e poi rifiniti fino ad incorporare la subacquea ricreativa. Il nostro approccio di “iniziare con il punto di arrivo già in mente” produce subacquei con capacità uniche, e consente una transizione naturale dall’immersione ricreativa a quella tecnica ed esplorativa.

I programmi educativi GUE, consentono ai subacquei di esplorare una vasta gamma di possibili attività, ma il valore dell’addestramento GUE risulta ancora più evidente nel momento in cui ci si unisce ad una delle nostre comunità o ad uno dei nostri progetti. Queste attività offrono infatti molte opportunità di coinvolgimento sociale e di mutuo supporto.

È possibile intraprendere una varietà di programmi di specialità che vanno dall’uso della muta stagna e scooter subacquei (DPV), al salvataggio, alla fotogrammetria, fino al popolarissimo corso GUE Fundamentals, che è uno dei programmi più emulati nell’industria subacquea. La GUE mantiene anche un sistema di controllo qualità che non ha pari nell’industria e che include, tra l’altro, regolari riqualifiche periodiche per tutti gli istruttori, questionari di valutazione del corso da parte di ogni studente, e requisiti annuali di rinnovo.

A supporto dei nostri programmi ma anche generalmente dell’industria subacquea, la GUE produce un'ampia gamma di materiali didattici che comprendono presentazioni live,​ video esplicativi e dimostrativi di abilità subacquee, libri, manuali e presentazioni powerpoint che servono da supporto alle lezioni teoriche dei corsi.
La GUE pubblica il trimestrale​ ​Quest​, una rivista in cui sono pubblicati articoli sull’ecologia, l’attrezzatura e l’addestramento, l’esplorazione, progetti, spedizioni e molto altro.

COME DOVREMMO IMPARARE AD IMMERGERCI?

L'immersione scuba può essere un’esperienza incredibilmente positiva, esilarante e capace di cambiare la vita.

Sfortunatamente però sono molte le persone che tentando un approccio alla subacquea hanno avuto un’esperienza molto differente - a volte del tutto negativa - a causa in gran parte del modo in cui l’addestramento di base viene tipicamente offerto.

Affinché i subacquei si godano a pieno le loro immersioni, devono prima essere tecnicamente capaci di mantenere una posizione stabile nella colonna d’acqua e devono saper eseguire senza difficoltà numerose manovre che sono essenziali per il loro benessere e comfort in immersione (come ad esempio lo svuotamento della maschera, lo scambio dell’erogatore o l’uso di un metodo di propulsione efficiente). Sfortunatamente, molti neofiti ed anche molti subacquei esperti non hanno avuto la possibilità di sviluppare queste importanti abilità in modo adeguato.

Nonostante queste abilità essenziali siano incluse praticamente in tutti i corsi di base, esse sono spesso viste singolarmente, e raramente sono correlate insieme; inoltre esse non sono ripetute e praticate a sufficienza perché il subacqueo le padroneggi realmente e le possa poi adottare con confidenza. Per fare un esempio, lo svuotamento della maschera viene solitamente insegnato ed esercitato in ginocchio sul fondo di una piscina, e questa pratica è poi considerata come “ufficialmente acquisita” dopo che lo studente riesce a portarla a termine anche solo una volta (e anche se con difficoltà). La GUE ritiene che le abilità d’immersione non siano una checklist da completare, e ritiene invece che l’apprenderle richieda una progressione passo a passo.

NON TUTTI I PERCORSI DI ADDESTRAMENTO SUBACQUEO SONO UGUALI

Molti dei problemi che insorgono durante le immersioni sono dovuti ad un addestramento di scarsa qualità e ad istruttori con poca esperienza che dedicano alle lezioni, sia teoriche che pratiche, una quantità di tempo insufficiente. Ne risultano subacquei che non si trovano a proprio agio in acqua, impreparati ed insicuri delle proprie abilità, e quindi non in grado di godersi le immersioni.
Questi problemi non sono necessariamente dovuti a una mancanza di interesse e di passione, poiché molti istruttori lavorano in centri di immersione pieni di persone che hanno grande passione per la subacquea. Essi però hanno troppi fattori che lavorano contro e troppo pochi esempi e alternative, dato che si trovano a lavorare all’interno di un’industria che, in larga parte, vede i corsi di addestramento solo come un mezzo per  vendere equipaggiamento subacqueo, invece che una serie di importanti abilità che devono essere ben apprese. Questo è lo sfondo su cui la GUE ha iniziato a sviluppare una serie di programmi unici ed originali, incentrati sul consolidamento delle abilità tecniche, in cui i subacquei possono ottenere grandi soddisfazioni e vivere la subacquea in una nuova ed eccitante dimensione.

QUANTO SONO BUONE LE TUE ABILITÀ?

Le tue abilità subacquee dovrebbero essere sviluppate in proporzione al tipo di immersione che vuoi perseguire. Ad esempio, se sei un subacqueo alle prime armi, la precisione a cui devi puntare è ben diversa da quella di un esploratore tecnico o di uno speleo-subacqueo. Tuttavia, l’elenco di abilità fondamentali necessarie è molto più simile e comune tra questi livelli di quanto si tenda ad immaginare. L’addestramento GUE è infatti fondato sul concetto di “ iniziare con il punto di arrivo già in mente”, un approccio che si focalizza sulle capacità fondamentali necessarie a tutti i subacquei al fine di assicurare lo sviluppo di una base solida di capacità.

Le categorie principali utili alla valutazione e alla rifinitura delle abilità subacquee sono stabilità, assetto, trim (o postura), e tecniche di propulsione. Subacquei di livello avanzato o tecnico spesso sopravvalutano le loro capacità in queste aree, ed una revisione e pratica di queste abilità fondamentali risulta utile per tutti.

STABILITÀ IN ACQUA

Una delle più grandi difficoltà in immersione è quella di rimanere fermo nell’acqua e mantenere una posizione stabile, in quanto vi sono molti fattori che influenzano questa condizione. Tuttavia, avere una buona stabilità in acqua è un requisito fondamentale per tutti i subacquei poiché, senza di essa, attuare qualsiasi manovra sott’acqua diventa problematico. Il posizionamento dell’attrezzatura, il suo fit, e la pesata sono fattori importanti che influiscono molto sulla stabilità. È inoltre importante imparare a controllare il proprio corpo e ridurre i movimenti superflui, perché inconsciamente molti subacquei tendono a muovere le mani o altre parti del corpo compromettendo la loro stabilità e rischiando di causare danni all’ambiente. Sebbene sia preferibile mantenere sin dall’inizio una posizione stabile e costante, è normale che i principianti abbiano difficoltà a controllare i propri movimenti, soprattutto mentre cercano di imparare nuove manovre; bisogna semplicemente fare pratica. Subacquei invece con maggiore esperienza dovrebbero saper mantenere una
posizione piuttosto stabile, mentre i subacquei tecnici devono essere in grado di rimanere totalmente  immobili.

CONTROLLO DELL’ASSETTO

Il controllo dell'assetto e la stabilità sono abilità che vengono solitamente perfezionate in tandem, di conseguenza il miglioramento di uno porta anche al miglioramento dell'altra. Tutti i subacquei dovrebbero allenarsi al fine di eliminare cambi d’assetto involontari (movimenti verso l'alto o verso il basso), anche se è normale che un po’ di movimento ci sia sempre. Subacquei ricreativi dovrebbero essere capaci di muoversi entro uno spazio massimo di 1.5m, mentre subacquei esperti e di livello avanzato non dovrebbero superare 1 m. Subacquei con una variazione d’assetto maggiore (incontrollata) rischiano di danneggiare l'ambiente sottomarino, l’attrezzatura e se stessi. Per loro sarà anche impossibile avere stabilità, in quanto la compressione ed espansione dell’aria nel Compensatore di Assetto - CA - accelereranno le variazioni, creando un effetto yo-yo e movimenti rapidi e bruschi. Rendere solida questa abilità è particolarmente importante per i subacquei che intendono prolungare i loro tempi di fondo ed avvicinarsi o eccedere i limiti dell'immersione ricreativa.

TRIM E BILANCIAMENTO

Con trim e bilanciamento si intende la postura del subacqueo sott'acqua: l’asse da testa a piedi è definita trim, mentre l’inclinazione destra - sinistra è il bilanciamento. Quando un subacqueo perfeziona queste abilità, risulteranno nettamente migliorate anche le tecniche di propulsione e la fluidità del nuoto, in quanto mantenendo una posizione piatta, orizzontale, si riduce l’attrito, si favorisce la stabilità, si aumenta notevolmente l'idrodinamicità e si favorisce il controllo dell'assetto.

Nonostante il trim ideale sia quasi sempre orizzontale, il subacqueo deve avere un controllo tale da modificarlo in base all’ambiente in cui si trova. Ad esempio, quando i subacquei seguono il contorno di un fondale, devono essere capaci di adattare la loro postura per evitare ostacoli o cambiamenti nell'ambiente mentre si muovono lungo una barriera corallina, in un relitto o in una grotta.

I subacquei devono anche mantenere attenzione alla loro posizione sull'asse destro-sinistro ed evitare l'uso delle mani o delle pinne per riposizionarsi.

Per acquisire un corretto trim e un giusto bilanciamento bisogna sviluppare una buona consapevolezza del proprio corpo, posizionare appropriatamente l’attrezzatura, e avere una pesata corretta; come per tutte le altre abilità, un miglioramento concreto richiede tempo e tanta pratica.

MIGLIORARE TRIM E BILANCIAMENTO: COME MASSIMIZZARE IL DIVERTIMENTO

Il modo migliore per rendere l’attività subacquea il più piacevole possibile è quello di massimizzare l’efficienza e minimizzare lo sforzo. Subacquei con una configurazione ottimizzata, capaci di mantenere un giusto trim e con un buon bilanciamento usano meno energia, il che riduce il quantitativo di gas consumato e soprattutto lo stress. Ciò non solo permette di estendere la durata delle immersioni, ma ne massimizza il divertimento! Subacquei efficienti sono meno inclini a sviluppare problemi durante le loro immersioni e sono inoltre capaci di reagire rapidamente e aiutare un compagno se si dovesse trovare in difficoltà. Subacquei ben addestrati possono svolgere qualsiasi manovra (come svuotare la loro maschera o anche rimuoverla) con facilità e mantenendo l’assetto e una posizione piatta e stabile. Si muovono efficacemente nell’acqua impiegando varie tecniche di propulsione in base all’ambiente in cui si trovano. Questi subacquei sono sempre consapevoli dell’ambiente che li circonda e possono dunque anticipare, evitare e/o risolvere qualsiasi problema ben prima che degeneri in qualcosa di serio. In breve, si godranno le loro immersioni senza stress e a loro agio, avendo abilità ben stabilite, al punto di essere naturali. Semplicemente, si DIVERTONO molto di più.

ISTRUTTORI GUE

I nostri istruttori vengono scrupolosamente selezionati ed addestrati per assicurare l’esperienza migliore possibile a tutti gli studenti. Gli istruttori GUE devono possedere abilità di immersione e conoscenze esemplari ed avere efficaci capacità di comunicazione ed insegnamento.

Programmi di Addestramento Istruttori

Diventare un istruttore GUE può essere un percorso lungo e non privo di difficoltà; lo dimostra il numero ristretto di persone che sono state capaci di raggiungere l’elevato standard richiesto. Ciò è dovuto non solo agli esigenti requisiti posti per raggiungere questo livello ma anche a quelli necessari per i periodici rinnovi e riqualificazioni previsti per tutti gli istruttori. Ogni anno, tutti gli istruttori GUE devono superare un test fisico e dimostrare di aver mantenuto inalterate le loro capacità di insegnamento e di immersione, al livello più alto della loro qualifica. Per quanto ciò possa sembrare ovvio, questa è una delle tante innovazioni della GUE. La GUE è infatti l’unica agenzia che accetta il costo finanziario comportato dall’avere un minor numero di istruttori pur di assicurarne la loro eccellenza e idoneità.

Tutti i programmi GUE sono attentamente monitorati attraverso un approfondito metodo di controllo della qualità - un’altra innovazione GUE. Il controllo della qualità prevede che il 100% degli studenti GUE compili un questionario specifico di valutazione del corso come  requisito aggiuntivo per il rilascio del brevetto. L’amministrazione per il controllo qualità include un Dipartimento Controllo Qualità, incaricato di monitorare e assicurare il pieno rispetto degli standard del programma, ed un Dipartimento di Garanzia della Qualità, il quale agisce attivamente per identificare e mitigare possibili punti deboli nei programmi d’addestramento GUE.

Un’altra caratteristica singolare della GUE è il divieto di “crossover”, uno dei più comuni mezzi di incremento del business utilizzati  nell’industria. Il metodo più comune utilizzato per far crescere un’agenzia di addestramento è infatti quello di prevedere e incoraggiare i crossover, consentendo che un istruttore di un’altra agenzia sia rapidamente incorporato in una seconda agenzia. Questo processo porta vantaggi finanziari per l’agenzia ma va in direzione opposta alla qualità e all’interesse degli studenti.

L’addestramento degli istruttori GUE ed i processi di rinnovo e riqualificazione supportano una famiglia, piccola ma in continua crescita, di istruttori che dimostrano un raro ed inusuale entusiasmo per i loro studenti ed un grande impegno nelle attività subacquee. Questi individui rappresentano l’essenza dei principi della GUE, un’associazione dedita alla creazione di una comunità globale unita e che vuole essere di ispirazione e supporto a tutte le persone in cerca di avventure subacquee.

PROGRAMMA DI CONTROLLO QUALITÀ

La GUE investe una notevole quantità di risorse per far sì che istruttori e corsi siano di altissima qualità e che questa sia mantenuta costante. Questo processo è ulteriormente supportato da un Quality Governance Program, che opera per salvaguardare la qualità e la sicurezza di tutte le attività di immersione connesse alla GUE. Questo programma monitora principalmente i corsi e gli istruttori GUE ma è anche teso a supportare pratiche di immersione sicura in tutta la nostra comunità.

Questo programma è supportato da:

  • Il Dipartimento Controllo Qualità, incaricato di assicurarsi che tutti gli standard siano seguiti dagli istruttori e durante i corsi
  • Il Dipartimento Assicurazione Qualità ( sotto responsabilità del Direttore della Gestione del Rischio) che attivamente cerca e identifica aree di possibile miglioramento dell’organizzazione
  • I Training Administrators che sviluppano e organizzano i dettagli importanti di programmi e amministrazione
  • Il Fiduciario Designato agli Standard e Procedure che mantiene l’integrità dei documenti di standard e dei protocolli
  • Il Board of Directors che monitora ogni elemento e al tempo stesso conduce una propria valutazione e iniziative di sviluppo e miglioramento.

Gli alti standard di qualità perseguiti dalla GUE sono supportati dai seguenti componenti: valutazione del corso e dell’istruttore, valutazione annuale degli istruttori, riqualifica di istruttori e subacquei, modulo di completamento del corso, addestramenti rigorosi, standard procedurali e una dettagliata valutazione delle prestazioni durante i corsi. Un processo istituzionale per la presentazione di reclami sollecita la segnalazione di ogni forma di commento che permetta di verificare possibili rischi di qualità, efficienza, professionalità o sicurezza durante i corsi GUE. I Directors of Training e il Quality Control sono autorizzati a sospendere immediatamente un individuo per porre rimedio a rischi per la sicurezza degli studenti.

Alla fine di un corso, per poter ottenere ufficialmente il brevetto, è richiesto ad ogni studente GUE di compilare un modulo di valutazione del corso. Questi moduli sono istituiti come anonimi e confidenziali, anche se gli studenti possono decidere se condividere il loro commento con il proprio istruttore per consentire un feedback più efficace e tempestivo. Alla fine di ogni anno, la GUE crea un dettagliato resoconto individuale di valutazione della qualità dell’insegnamento per ogni istruttore; ciò consente agli istruttori di identificare quali siano i propri punti di forza e i punti deboli, per favorire lo sviluppo personale. Questi dati aiutano l’organizzazione a perfezionare i programmi d’addestramento, migliorare i corsi di formazione istruttori, e personalizzare i processi di riqualifica per ogni istruttore.

CONFIGURAZIONE DELL’EQUIPAGGIAMENTO GUE

La standardizzazione è uno degli elementi di maggior forza nel garantire una buona collaborazione all’interno di una squadra: essa aumenta l’efficacia, promuove un apprendimento più efficiente e supporta attività logisticamente complesse. Per questo motivo i programmi di addestramento e le attività GUE richiedono una configurazione standardizzata dell’attrezzatura.

La configurazione standardizzata GUE dell’equipaggiamento di base aderisce alla nostra filosofia di “iniziare tenendo conto della fine”. Non solo la gestione dell’attrezzatura e le procedure connesse apprese durante i primi corsi GUE saranno le stesse per tutto il percorso di apprendimento del subacqueo, ma il sistema modulare che è stato ideato elimina anche la necessità di sostituire attrezzature con il progredire dell’addestramento, permettendo semplicemente di aggiungere componenti richiesti per attività più avanzate. Sin dal primo giorno dunque, tutti si esercitano con la stessa attrezzatura di base utilizzata dai grandi esploratori subacquei.

Oltre ad agevolare la memoria muscolare, la compatibilità di squadra e la familiarità, la configurazione dell’equipaggiamento GUE costituisce un sistema ampiamente testato e provato che enfatizza il minimalismo, l’idrodinimicità, e l’affidabilità. Se questo equipaggiamento è all’altezza di alcune tra le immersioni esplorative più estreme condotte nel mondo, esso può certamente andare bene per ogni subacqueo e in qualsiasi ambiente!

Schienalino - una solida base per il tuo sistema di attrezzatura, con un’imbracatura composta da una singola fettuccia per dare più sicurezza e una vestibilità più confortevole, equipaggiata con una quantità minima di anelli a D nelle posizioni ottimali per accedere facilmente agli accessori. Dotato di fettuccia inguinale e cintura regolabile, lo schienalino veste chiunque alla perfezione: è attillato, avvolgente e comodo indifferentemente dalla posizione che si assume e dall’equipaggiamento che si aggancia.

Sacco ad ala - attaccato allo schienalino c'è il Compensatore di Assetto (CA). Posizionato sulla schiena, il design sottile, semplice e circolare, permette di mantenere un buon trim e un assetto stabile. Anche quando gonfiato completamente, non impedisce movimenti e non
ostacola le manovre.

Erogatori - sia per monobombola che per bibombola, la configurazione degli erogatori rimane sostanzialmente la stessa; l'unica variazione si avrà dietro le spalle, dove si avranno rispettivamente un solo primo stadio per il mono-bombola, oppure due per il bi-bombola. I principi, la configurazione e l’applicazione restano gli stessi per le due configurazioni.

Erogatore Principale con frusta lunga - l’erogatore principale da cui si respira è montato su una frusta lunga 210 cm, fatta passare lungo il fianco destro, poi trasversalmente sul petto e poi intorno al collo. Questo è anche l’erogatore che si passa al compagno in caso di emergenza. In questo modo si è certi che funziona perché lo si è usato fino a quel momento, e avendo la frusta lunga si ha spazio di manovra per entrambi i subacquei coinvolti che potranno gestire la situazione a prescindere dall’ambiente in cui sono immersi.

Erogatore di backup - montato su una frusta più corta, è posizionato sotto al mento, trattenuto attorno al collo da un collare elastico, in modo che rimanga sempre a portata di mano e pronto all’uso nel caso si doni l’erogatore primario a un compagno o in qualsiasi altra situazione che richieda di cambiare erogatore.

Torcia Primaria - i team GUE fanno affidamento su buone comunicazioni; la torcia non è solo una fonte di illuminazione, ma anche uno strumento per comunicare, grazie al fascio concentrato e potente. La torcia primaria consente di richiamare l’attenzione della squadra senza la necessità di avvicinarsi nuotando. Il canister della batteria è tenuto in cintura sul fianco destro e può essere utilizzato per fermare la frusta lunga dell’erogatore primario.

Torcia di backup - proprio come per l’erogatore, oltre alla torcia primaria abbiamo bisogno di una di emergenza in caso di malfunzionamento. Le due torce di backup previste dalla configurazione GUE hanno un design minimale, con accensione a ghiera. Sono robuste e adatte a qualsiasi ambiente richieda illuminazione. Le torce di backup sono comodamente attaccate sull’imbracatura, pronte all’uso.

Una descrizione molto più dettagliata della configurazione dell’equipaggiamento GUE e della sua giusta applicazione è parte di tutti i corsi introduttivi GUE. Bisogna tenere a mente che l’equipaggiamento di per sé non può compensare le lacune tecniche di un subacqueo; solo un’istruzione approfondita ed adeguata e l’esercizio costante potranno migliorare grandemente il comfort, il divertimento e la sicurezza.